La Domotica… un capitolo interessante

Dopo tanti giorni in casa un illuminazione… la domotica. Non ho mai auto tanto tempo per dedicarmi alla domotica e quale periodo migliore, se non un lockdown per approfondire l’argomento? Ho iniziato a verificare cosa potevo fare e come affrontare l’argomento rispetto alle potenzialità dell’impianto cablato ed ho trovato ciò che cercavo, ma vediamo di vedere cosa passo per passo.

Fondamentalmente ho iniziato con dei prodotti da includere nell’impianto elettrico per poter modificare l’impianto attuale ma non cambiare le funzionalità correnti, che intendo? Che qualsiasi cosa volessi fare dovevo essere sicuro di non cambiare le normali abitudini di mia moglie, cosa che avrebbe fatto naufragare ogni mia velleità domotica. Una lampadina Smart non è certo il giusto approccio alla domotica, poche cose si riescono a fare, cambiare luminosità e colore certamente ma in termini di automatismi si fa ben poco e se spegni l’interruttore, tutta la domotica sparisce insieme alla sua alimentazione.

Il primo prodotto che ho testato è il SONOFF, si trova ovunque, facile da configurare parto ordinando due SONOFF mini da mettere all’interno di una cassetta 503, per comandare due interruttori BTicino. Sembrava il più piccolo e il più semplice. Ma per evitare di iniziare con smontando una scatola e relativi interruttori elettrici sono partito da la mia luce Apple, una lampada da vetrina che ci è stata regalata anni fa e che ho gelosamente appeso e conservato in cucina, essendo unica e introvabile per il logo tanto discusso tra Apple e i Beatles. ( n.d.r. aggiungo riferimenti appena trovo la storia). 

Il primo test l’ho fatto con questo prodotto, il BASIC R2 da collegare al filo come interruttore.

Sonoff-Basic-R2-interruttore-universale

Il secondo test l’ho fatto con questo prodotto, il Mini da inserire in una scatole 503 a muro

Interruttore SONOFF MINI

Dopo aver configurato tutto ho iniziato a cercare un prodotto per automatizzare le tapparelle e mi sono accorto che questa azienda non forniva nulla di interessante, non mi ero accorto di quante altre aziende nel settore producono articoli simili se non migliori. Così cercando un buon prodotto sono passato dalla Cina alla Bulgaria e sono approdato nel mondo Shelly!!!

Quando ho provato Shelly… ho sostituito i sonoff ho tenuto giusto la luce Apple ma tutto il vero impianto adesso è collegato con shelly Cloud.

Innanzi tutto trovo interessante che ci sia un distributore Italiano, Shellyitalia.com

Ma quanti prodotti, volevo iniziare dalle tapparelle con uno Shelli 2.5, leggendo un po e guardando video su you tube scopro che comandano perfettamente anche interruttori e deviatori tradizionali. Da qui primo ordine sul loro portale, spese di spedizione gratuite saltuariamente e sotto Natale 🎅, taaaac, il risultato 10 Shelli 2.5 in arrivo in 2 giorni.

Shelly 2.5 e tapparella breve anteprima sul montaggio

Uno Youtuber che vedo spesso ora anche per altri prodotti è Adrykx , mi piace come spiega e come monta i video, ben diretto allo scopo con video completi e ben spiegati.

Con le tapparelle il grosso del lavoro è stato trovare il posto giusto dove piazzare il dispositivo. Per quanto piccolo non sempre sta o deve per forza stare nella scatola 503, così trovato il posto giusto e tirato i cavi necessari ho automatizzato o meglio domoticizzato 6 tapparelle.

E gli altri 4?

Quando avrò finito, ci vorrà un bel po per tutto quello che ho in mente, documenterò tutto qui, sul nostro archivio digitale…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.